Tempo di segreti, spazi di segreto

Strati del tempo nello spazio aduso in lingue che furono. È un richiamarsi di voci attraverso le generazioni, nella mente che vola, si libra, si esalta, nelle mente che cerca, ma che, se le chiedi cosa, finge di non sapere. Ma io e te sappiamo. E non lo diciamo a nessuno.20170513_105829

Luoghi e non-luoghi

Circondati da non-luoghi: centri commerciali, cinema multisala, outlet city, luoghi standardizzati, tutti uguali; e poi parchi divertimento, supermercati; e le cene popolar-politico-provinciali con piatti e posate di plastica sotto tendoni bianchi seduti accanto a commensali dall’ascella piccante; e le strade affollate di auto e moto rombanti, le sirene, le ambulanze, le stazioni ridotte a bivacchi, le aree di servizio ridotte a immondezzai, le periferie urbane incapaci di assorbire il traffico e con auto accatastate in ogni dove, le aree artigianali e industriali grigie e degradate, pulsanti di lavoro (ma non di alacrità) fino al venerdì, lande anonime desertificate nel fine settimana, spazi di tristezza immensa in cui, se lo cerchi, troverai un sorriso solo su un cartellone pubblicitario.

Ma uscire con la bicicletta e trovare sotto casa luoghi in cui l’uomo riesce a stare in equilibrio con i siti in cui vive è sempre un piacere per il corpo, ma anche per lo spirito. Non c’è bisogno di un culto istituzionalizzato per capire come mai il sentimento religioso nasca sempre a contatto con questi paesaggi di vita (non onirici); e non con quelli lontani più o meno improbabili della finzione letteraria o cinematografica, ma proprio con quelli a due passi da casa tua. Lo possiamo fare tutti e non costa assolutamente niente. Anzi. Sono loro a ripagare te alla resa dei conti.

Storia di una parola, che fa storia

Terrore. Dal verbo latino terreo, greco τρέω, “fuggo tremando”. Già in Omero è il verbo di chi, spaventato, fugge dal campo di battaglia, rifiutando il cimento.
Le parole. Una cosa che affascina ancora i ragazzi di oggi, come forse anche quelli di ieri, è il viaggio delle parole nel tempo attraverso testi e in contesti ineluttabilmente polimorfi, vari, anche antinomici talvolta. Quando spieghi loro un significato latino o greco, parli loro di una sinonimia o di un’antonimìa e ne tracci il percorso, inizia un viaggio che attraverso i secoli porta su su su … su fino alle lingue moderne e alla nostra; e i loro occhi ecco che si spalancano. Radici, semantemi, prefissi, suffissi aspettuali, categorie morfologiche, complessi ingranaggi fonetici, tutti aspetti che presi in sé appaiono aridi e freddi – e lo sono! – con i vitali collegamenti che si attuano nel testo e con quelli che portano ai contesti attuali si animano improvvisamente in quello spalancarsi degli occhi. Loro ti chiedono come fai a sapere tutto. E tu, che non sai tutto, non cadere in trappola! Fai come me: ho detto loro: “Se volete, potete accendere il telefonino e dal vostro App Store scaricate l’app chiamata “Greek-English Lexicon”. Alcuni lo hanno fatto e dopo nell’intervallo erano tutti là a cercare significati di parole. E tu allora capisci che le tasse versate dai loro genitori per pagare il tuo stipendio sono devolute a buon fine, tutto sommato. Eccome.
Ecco perché non smetterò mai di dire che, nonostante tutto, non cambierei il mio mestiere con nessun altro al mondo.

Paradigmi di virtù

Tra occidentale razionalismo e orientale culto della perfezione. Spero che qualcuno legga, perché la riflessione è anche di grande attualità. In queste righe, che mi hanno coinvolto ieri sera, una considerazione su un aspetto che ancora oggi contraddistingue il politico d’Oriente rispetto a quello d’Occidente: Il governante migliore è quello che punta alla perfezione e che con il suo esempio e il suo esercizio sempre al limite della resistenza umana infonde in chi lo segue il conseguimento della perfezione stessa come traguardo per tutti. Molte culture orientali condividono questa convinzione di assoluta superiorità, di culto di una ἀρετή, che non è una “virtus”, ma è autentica ambizione alla perfezione assoluta. Per questo mi sono permesso di tradurre ὅτι ἄριστος come “il più perfetto in assoluto” (Xen, Cyr. 8, 37, 39):
Ὅτι μὲν οὖν οὐκ ᾤετο προσήκειν οὐδενὶ ἀρχῆς ὅστις μὴ βελτίων εἴη τῶν ἀρχομένων καὶ τοῖς προειρημένοις πᾶσι δῆλον, καὶ ὅτι οὕτως ἀσκῶν τοὺς περὶ αὐτὸν πολὺ μάλιστα αὐτὸς ἐξεπόνει καὶ τὴν ἐγκράτειαν καὶ τὰς πολεμικὰς τέχνας καὶ (τὰς) μελέτας. […] Τοιγαροῦν πολὺ μὲν αὐτὸς διέφερεν ἐν πᾶσι τοῖς καλοῖς ἔργοις, πολὺ δὲ οἱ περὶ ἐκεῖνον, διὰ τὴν ἀεὶ μελέτην. Παράδειγμα μὲν δὴ τοιοῦτον ἑαυτὸν παρείχετο. πρὸς δὲ τούτῳ καὶ τῶν ἄλλων οὕστινας μάλιστα ὁρῴη τὰ καλὰ διώκοντας, τούτους καὶ δώροις καὶ ἀρχαῖς καὶ ἕδραις καὶ πάσαις τιμαῖς ἐγέραιρεν· ὥστε πολλὴν πᾶσι φιλοτιμίαν ἐνέβαλλεν ὅπως ἕκαστος ὅτι ἄριστος φανήσοιτο Κύρῳ.
Il fatto, dunque, che egli (Ciro) pensasse che non si addicesse una carica di comando a nessuno che non fosse il più valente dei sottoposti è evidente sia da quanto fin qui detto, sia dal fatto che, mentre addestrava così i suoi, lui stesso si sottoponeva molto di più a fatiche, sia per quanto riguarda la resistenza, sia nella pratica e nell’addestramento militare. (…) Pertanto, mentre lui stesso eccelleva molto in tutte le attività, altrettanto i suoi, per il continuo esercizio. Offriva dunque se stesso come paradigma. Inoltre ricompensava con doni, cariche, seggi e ogni onore tutti quelli che vedeva che lo seguivano nelle migliori pratiche; al punto da infondere una grande ammirazione in tutti, perché ognuno sembrasse a Ciro il più perfetto in assoluto.

Saggezze inascoltate … da sempre

Εἰ πάντες ἤθελον οἱ παιδεύειν ἐπιχειροῦντες ἀληθῆ λέγειν, καὶ μὴ μείζους ποιεῖσθαι τὰς ὑποσχέσεις ὧν ἔμελλον ἐπιτελεῖν, οὐκ ἂν κακῶς ἤκουον ὑπὸ τῶν ἰδιωτῶν· νῦν δ’ οἱ τολμῶντες λίαν ἀπερισκέπτως ἀλαζονεύεσθαι πεποιήκασιν ὥστε δοκεῖν ἄμεινον βουλεύεσθαι τοὺς ῥᾳθυμεῖν αἱρουμένους τῶν περὶ τὴν φιλοσοφίαν διατριβόντων. Τίς γὰρ οὐκ ἃν μισήσειεν ἅμα καὶ καταφρονήσειε πρῶτον μὲν τῶν περὶ τὰς ἔριδας διατριβόντων, οἳ προσποιοῦνται μὲν τὴν ἀλήθειαν ζητεῖν, εὐθὺς δ’ ἐν ἀρχῇ τῶν ἐπαγγελμάτων ψευδῆ λέγειν ἐπιχειροῦσιν;
Se tutti quelli che si impegnano ad insegnare come professare la verità desiderassero fare delle promesse non più grandi di quelle che potrebbero realizzare, non godrebbero di cattiva reputazione da parte dei privati cittadini; ma oggi coloro che hanno l’audacia di vantarsi con eccessiva sconsideratezza si comportano in modo che sembra che quelli che preferiscono vivere da infingardi adottino deliberazioni migliori di quelli che praticano la sapienza. Chi, infatti, non odierebbe e allo stesso tempo disprezzerebbe in primo luogo quelli che vivono sempre in mezzo a vane discordie, che fingono di indagare la verità, ma poi subito all’inizio delle loro pubbliche dichiarazioni si ingegnano a professare menzogne?
Isocrate, Contro i sofisti, 1 1-2

Un consiglio all’aspirante candidato

Quando ci sono troppi candidati presi dalla cosiddetta “società civile”, che poi si fanno illusioni, che non hanno esperienza dei meccanismi della politica, succedono queste cose che leggiamo oggi sui siti e sui giornali. Sono sempre successe. Ma prima erano in numero inferiore queste persone e apparivano come “indipendenti”, se non iscritte al partito di cui usavano il simbolo, una o due per lista, raramente di più. Oggi forse sono i più e servono come “raccattavoti”, senza che se ne rendano conto. Vengono blanditi da chi ha lunga esperienza, gli viene detto “con la fama che ha lei sarà sicuramente eletto …”, “è un grande prestigio per noi averla in lista …”; se poi l’ignaro ha quello che si chiama un ruolo pubblico, sei per loro una specie di raro francobollo da collezione, da trattare sempre con i Lei con la maiuscola. Il gioco è fatto. Il pollo becca e il candidato di belle speranze inizia a fare la sua campagna elettorale, ci mette anche dei soldi, sottrae tempo al suo lavoro (se ce l’ha) e alla sua famiglia (se ce l’ha). Non si rende conto che, mentre vive nel suo beato mondo di vane illusioni, da una parte, nel suo lavoro (se ce l’ha) si fa nemici e si crea invidie e la famiglia (se ce l’ha) soffre le sue lunghe e non sempre comprese assenze (anche la morosa può mollarlo, come ho appena saputo di uno!); dall’altra parte invece, il partito o il movimento o la lista civica, dove ci sono sempre volpi esperte e navigate da anni, lavora indefessamente per i suoi uomini già decisi e di cui sa di fidarsi, anche perché spesso lavorano per il partito; e lo fa raccogliendo i voti per “pacchetti”, cioè gruppi, associazioni ricreative, culturali, assistenziali, professionali, società sportive, sindacati, ordini professionali, grandi imprese e così via. Purtroppo l’identikit del candidato “usa e getta” è questo, né più né meno: raccoglierà tra le 40 e le 60 preferenze, del tutto inconsapevole del fatto che il rapporto tra contattati e voti è di 1/10 per un libero battitore come lui. Il partito invece, quando trova l’accordo con un gruppo organizzato, riesce a far convergere almeno un centinaio di voti su un nome, dirigenti e capolista a parte, che prendono voti perché oggettivamente conosciuti. Vi rendete conto che la gara è impari! Un consiglio, se mi leggete: prima di mettere la firma nel famoso modulino che i segretari dei partiti vi fanno firmare, parlate con qualcuno che ne sa di più, studiate l’ambiente, analizzate la situazione. Oppure, molto candidamente, prestatevi al gioco e sappiate sin da subito che correte per portare voti alla lista, solo voti alla lista. Sono anni che lo dico. Ma non mi ascoltano. Bah. Non servirà e niente neanche questo post.

Damnatio memoriae

Pillole da lettura. L’antica Roma era molto avanti anche in questo: nelle strategie politiche il modo migliore per colpire un avversario non era parlar male di lui o farci ironia sopra, ma non parlarne proprio, dimenticarlo, lasciarlo marcire lentamente e senza scrupoli di sorta nel dimenticatoio. Così gli si faceva il vuoto attorno, anche se già trapassato con la “damnatio memoriae”. La filosofia del “passa oltre e non degnarlo di uno sguardo” allora premiava. La lettura di alcune pagine dell’epistolario ciceroniano fa capire come la famiglie potenti del Senato, se solo volessero, riuscissero ad essere metodiche e sistematiche nel portare avanti questa sottile e poco visibile guerra psicologica, fatta di cenni e di occhiate e che richiedeva, per vincere e dominare, silenzio, condivisione di poche parole chiave facili da imparare e memorizzare, frasi quasi in codice e fedeltà assoluta alla causa. E l’avversario in poco tempo diventava un nulla e scompariva dalla memoria. Che i grandi poteri della Storia si siano costruiti anche così? mettendo cioè il lettore, il ricercatore, lo storico nell’assoluta impossibilità di capire come, con un enorme castello di indizi, ma nella totale mancanza di prove? Per ritrovare strutture mentali di questo genere bisognerà attendere la metà del XIX secolo, quando la politica ritroverà quella stessa forte carica ideologica e dialettica che fu propria del I sec. a.C. a Roma e, mutatis mutandis, dello scorcio del IV sec. a.C. in Grecia.

Provinciale alacrità

L’iperattività degli uomini del vicinato è commovente tra le 6 e le 8 del mattino, soprattutto nel fine settimana. Chi lava in strada il furgone con compressore e idropulitrice; chi taglia la siepe e pota arbusti e alberi con motosega rigorosamente elettrica; chi lava l’auto, cantando “O’ Sarracino”; chi lavora alle biciclette, oliandole e gonfiandole, ovviamente non con la banale pompetta dell’uomo comune, ma con compressore professionale; chi riordina e pulisce il furgone del lavoro, già pensando, alacremente e previdentemente, alla prossima settimana; chi in giardino sfalcia con il rasaerba, o spazza il cortile e/o il marciapiede con lodevole senso civico; chi apre il garage, fatto in altri tempi per le 126 e le 127 e quindi inservibile oggi per la funzione per cui è nato, per fare vedere al mondo quale vera e impressionante officina esso è in effetti, autentica meraviglia di ordine e completezza negli attrezzi, esposti come in teche da museo: la fucina di Efesto gli fa un baffo! Come a partecipare della gioia e dell’euforia collettiva per questa appassionante laboriosità e commovente alacrità non abbiamo le campane a festa, ma le sirene degli antifurto, che il resto della famiglia gioiosamente fa suonare, per dare il proprio segnale di condivisione del comune gaudio. Tra le 6 e le 8 del sabato e della domenica qui in zona Stadio l’attività del nuovo homo faber dei tempi moderni, rappresentato dall’operoso maschio ravennate (e non solo), cui manca terribilmente il lavoro e che al mondo intero intende dare esempio di abnegazione e spirito di sacrificio, è encomiabilmente febbrile. L’ennesima dimostrazione del fatto che noi “Ravenna Stadio” siamo avanti anni luce nei confronti degli spocchiosi “Ravenna Ravenna” sempre con la puzzetta sotto al naso e che adesso, da infingardi e desidiosi quali per natura sono, sicuramente sonnecchiano ancora nell’abbraccio di Morfeo, abominevole paradigma di ozio per gli epigoni dell’avvenire.

Schiettezza

“Is est orator, qui de omni quaestione pulchre et ornate et ad persuadendum apte dicere pro dignitate rerum, ad utilitatem temporum, cum uoluptate audientium possit.”
“Oratore è colui che su ogni questione può parlare in modo raffinato e ricco e idoneo a convincere in rapporto alla dignità degli argomenti, per l’interesse delle circostanze, con il piacere di chi lo ascolta” (Dialogus de Oratoribus, attr. Tacito, 30, 5).
Le idee e i valori durano oltre le generazioni, anche se cambiano e si aggiornano. Le persone no. Qui sta per me la causa prima della crisi delle grandi democrazie occidentali: troppo culto dell’immagine, troppi protagonismi, troppe primedonne; e valori in cantina. Con i valori si litigava duramente e qualche volta si passava anche il segno, ma si cresceva e ci si sentiva forti; con i valori si convinceva e si serviva il proprio tempo, se rapportati ai fatti; con il culto delle persone si fanno inciuci e affari, forse si litiga meno, ma non si cresce e ci sente sempre più deboli.
E non va bene. Non va affatto bene così.

Blog su WordPress.com.

Su ↑