Dieresi

Arriva un’utilitaria a velocità abbastanza sostenuta per una strada senza uscita e frena bruscamente. Dal balcone in cui stavo leggendo nel silenzio della città vuota in questa domenica di mare capisco subito che qualcosa non va. Si tratta di una madre che accompagna la figlia, una ragazzina sui 15 anni, a casa di suo padre: genitori separati. Dagli abiti si capisce che le due vengono dalla spiaggia. In auto le due urlano e arrivano alle mani. Un finestrino aperto lascia sentire tutte le offese reciproche. La ragazzina cerca di pararsi come può dai colpi della donna scalmanata. Si apre lo sportello e la ragazzina tra lacrime e urla cade scendendo dall’auto e poi, correndo con le ciabatte verso l’ingresso della casa del babbo, inciampa di nuovo e ricade. Mentre la mamma continua ad urlarle insulti da dentro l’auto, esce il padre che apre la porta e raccoglie la ragazzina in lacrime e ritorna subito in casa con lei. L’utilitaria fa manovra e riparte con la stessa velocità con cui è arrivata. La porta di casa si è chiusa. Tutto si svolge in non più di due minuti. Poi sulla strada di periferia di questa sonnolenta città di provincia cala di nuovo il torpore. E il mio pensiero va a quella ragazzina che avrà solo uno o due anni meno di mia figlia e a quanti segreti, quanto dolore che non sappiamo devono nascondere questi muri di queste case. Non riesco più a leggere. Sento il bisogno di mandare subito un messaggio a mia figlia, che è a casa di sua mamma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: